Translate

lunedì 8 ottobre 2012

Non di soli agnati vive l'uomo...

Paleostories non è un blog sugli agnati (nè sui pesci).
E' vero, fin'ora abbiamo parlato principalmente di agnati fossili, di cyclostomi e in generale di vertebrati non tetrapodi (ossia, ciò che impropriamente viene riunito nel gruppone dei "pesci").
Ma ciò non significa che questo blog sia finalizzato alla divulgazione della paleontologia degli agnati o dei pesci.
Per ora ho affrontato tali argomenti perchè inquadrati in un percorso avente come tema l'origine dei vertebrati, e perchè, senza ombra di dubbio, gli agnati stanno nel mondo paleontologico come la serie B sta nel mondo del calcio, ossia non se li fila nessuno. E lo scopo di questo blog è anche dare spazio a quei temi paleontologici che a dispetto della loro importanza nell'indagare la storia della vita sulla Terra sono poco noti al grande pubblico perchè poco legati al mondo dei documentari, della scienza popolare.

Ma, fin'ora mi sono occupato anche degli agnati soprattutto perchè è un campo in cui ho lavorato (e in cui sto attualmente lavorando) e che conosco discretamente bene, su cui quindi mi sento in grado di fare un post. Credo non vedrete mai qui un post sui teropodi marocchini o sui felini del pliocene americano, giacchè di questi argomenti so ben poco.

Tuttavia, se qualche speranzoso lettore (e so che c'è) ha sperato fin'ora che mi occupassi di altro, magari di tetrapodi mesozoici, sappia che quel giorno è arrivato.
Dunque, nei prossimi mesi (quando mi sentirò pronto per farlo) può essere che comincerò a scrivere qualcosa sui curiosi tetrapodi mesozoici che mi accingo a studiare, non si sà mai che poi mi prenda la passione per questi argomenti e Paleostories si tramuti in un blog unicamente mesozoico (dubito fortemente)....

Come anteprima, eccovi la foto di uno degli esemplari su cui starò chino nei prossimi mesi....



P.S.
Ovviamente, il nostro discorso sugli agnati paleozoici non è finito, quindi, cari miei mesozoofili, attendete con pazienza...

3 commenti:

Giovanni Russo ha detto...

bello, che cos'è? ha il collo piegato come un uccello...
è un esemplare nuovo?
insomma, dicci qualcosa!!!!

fabrizio mihael lavezzi ha detto...

Sì non vediamo l'ora! soprattutto gli illustratori! (almeno io di sicuro!!)

MarcoCasti ha detto...

Che impazienza!
Giovanni, no, non è un uccello. Qualla postura (detta postura opistotonica) non è tipica di un particolare gruppo, come possono essere gli uccelli ma è dovuta ai muscoli del collo e ai legamenti tra le vertebre che alla morte di alcuni animali (in particolare sembra essere decisivo il trovarsi in acqua dopo la morte) si irrigidiscono portando il collo (e in generale tutta la parte anteriore dello scheletro assiale) in quella posizione.
Non è un uccello...
Per rispondere ad entrambi, voglio solo dirvi che non è un esemplare nuovo, è già stato studiato e pubblicato nella sua anatomai generale, è italiano, è un rettile, è triassico e non è marino. Di più non voglio dire niente.

Per occhi esperti, è un indovinello abbastanza semplice ;-)