Translate

martedì 20 maggio 2014

Assenze piacevoli: Cernusco per la Scienza e Woodward150 Symposium

Scusate se sono stato un pò assente in questo mese di maggio (un solo post...sob) ma go avuto un sacco di cose da fare, progettini, scadenze e convegni.
Questo week end sono tornato in terra italica per partecipare all'evento "Festival della Scienza" di Cernusco sul Naviglio (Mi), in cui insieme ai miei amici e colleghi del G.S.N. (Gruppo Scienziati Naturalisti) abbiamo cercato di portare qualcosina della nostra passione per la scienza a bambini e adulti curiosi.
Nel banchetto di Paleontologia, insieme agli inseparabili Marco Lampugnani e Stefano Broccoli, abbiamo mostrato alcuni esemplari fossili e risposto alle curiosità dei presenti (alcuni con domande difficili e ben pensate. La migliore: quanto tempo ci mette un organismo a diventare un fossile?).
E' stato un bell'evento e con una nutrita partecipazione.
Per chi si fosse perso l'evento e volesse venire a curiosare tra i banchetti delle varie discipline (ce ne sono alcuni davvero imperdibili, come botanica e zoologia, in cui potrete vedere strane e piante e animali presentati da persone competenti), ci sarà un altro evento simile l'8 giugno a Cislago (VA), ma vi metterò il link a tempo debito.

Altro convegno, invece, parteciperò presto è il meeting che si terrà (domani) al Natural History Museum of London in onore dei 150 anni dalla nascita Sir Arthur Smith Woodward, famoso paleontologo inglese con una lunga carriera nello studio dei pesci fossili. Tra le sue pubblicazioni più importanti sicuramente il "Catalogue of the Fossil Fishes in the British Museum (Natural History)", composto tra il 1989 and 1991, nonchè numerosi libri riguardanti le collezioni di paleontologia del museo, i racconti dei suoi viaggi in giro per il mondo e svariate pubblicazioni.
Woodward fu anche uno degli autori della pubblicazione del famoso "Uomo di Piltdown", rivelatosi poi un falso (ma probabilmente il buon Arthur non lo sapeva, considerato che i resti erano stati sepolti prima del suoi arrivo e lui li tirò fuori senza essere a conoscienza della precedente sepoltura).
Sarà un'occasione per vedere alcuni dei più grandi esperti in pesci fossili, parlare con alcuni amici e passare una bella giornata in all'insegna della paleoittiologia (con un bel buffet finale tra gli scheletri del museo).
Spero anche di avere qualcosa di nuovo e interessante da raccontarvi qui sul blog.
Se posso dare una piccola anticipazione, anche se non riguarda direttamente il meeting, visto che il mio progetto di dottorato sui placodermi sta finalmente prendendo corpo, mi piacerebbe dedicare una (corposa) serie suoi placodermi, un gruppo di stem gnathostomi in cui c'è ancora una grande confusione e che merita di essere visto in tutta la sua meravigliosa e misteriosa diversità.

A presto

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Ho scoperto tantissime cose su come funziona la memoria nel numero ora in edicola di Focus: ve lo consiglio!

MarcoCasti ha detto...

Nonostante non reputi focus una rivista di cui fidarsi troppo, grazie anonimo per il consiglio, anche se avrei preferito ti firmassi :-) la condivisione di pensieri è comunque sempre gradita